Social Media Trends 2022

Scopri le novità per continuare ad investire in modo produttivo e con ottimi risultati

Social Media trends 2022

13 Gennaio 2022. C’è chi ha stilato almeno una lista di buoni propositi per il nuovo anno e chi mente. È inutile che tenti di nascondere la fetta di Panettone che hai appena addentato, lo sappiamo che nella lista hai scritto: “Da lunedì a dieta”, “In palestra almeno tre volte a settimana”, “La birra solo nel weekend”. Noi di Ideando vogliamo salvarti ed è per questo per abbiamo lanciato una petizione: Stop agli obiettivi realisticamente irraggiungibili! Tanto lo sappiamo che domani cederai alla tentazione dell’ultimo cioccolatino (volevamo scrivere Mon Chèri ma non possiamo fare pubblicità). Se possiedi un brand tutto tuo ecco cosa puoi scrivere in cima alla lista: “Vorrei incrementare la mia visibilità attraverso i social”. E per farlo devi conoscere almeno i trends più importanti del 2022.

Social Listening

La reputazione è tutto. Fare Social Listening vuol dire tenere traccia di ciò che dicono di te sulle piattaforme social. Non solo, vuol dire controllare costantemente competitor e parole chiave del settore di appartenenza. Raccogliere informazioni è importante per scoprire nuove opportunità di mercato e sfruttarle a proprio vantaggio; per migliorare prodotti e servizi; rispondere in modo rapido ed efficace alle domande di potenziali clienti; fidelizzare i tuoi clienti.

Contenuti coinvolgenti: più formati, più qualità

Content is still the king. Lo scriviamo in inglese perché “fa figo” ma è solo un modo per dire che anche nel 2022 il contenuto resta il vero re. L’omnicanalità sarà la strada giusta da percorrere per raggiungere il successo. Ecco cosa dovrai fare: creare una comunicazione coerente e sinergica su vari canali disponibili. In parole povere, i tuoi contenuti dovranno essere coinvolgenti e originali, in più formati e in alta qualità.

Spazio pubblicità: non sai da dove iniziare? Eccoci!

L’80% dei contenuti resta video. Tik Tok in pole position

Se InfluencerMarketingHub non ha sbagliato le sue previsioni, oltre l’80% dei contenuti social continuerà ad essere video. Non a caso TikTok può contare su un miliardo di utenti attivi al mese e su tassi di engagement
considerevolmente più alti rispetto alle altre piattaforme. Il 2022, inoltre, segna il ritorno dei video long-form.
Su Instagram, ad esempio, le storie si allungano fino ad una durata massima di sessanta secondi.

Evviva i pipponi! Si scherza.

Chi trova un influencer trova un tesoro

Investire sul ruolo degli influencer sarà necessario per raggiungere le community digitali potenzialmente interessate a te. Già nel 2021 un brand su due aveva avviato collaborazioni con degli influencer ed è sicuramente un rapporto destinato a crescere. Il nostro consiglio è di affidarsi a persone capaci di incarnare la tua filosofia e i tuoi valori. Tranquillo però, non hai bisogno di Chiara Ferragni! Al contrario, un influencer “piccolo” può essere sinonimo di trasparenza e affidabilità.

Shopstreaming

Hai già sentito parlare di Social Commerce? Che gli utenti siano pigri non è una novità. Ecco perché la maggior parte di loro pretende di poter acquistare direttamente dalle pagine social dei brand senza essere costretta a interrompere l’esperienza di navigazione. Vendere sui social, tra l’altro, è un’opzione che conviene alle piccole imprese che possono allargare così il proprio mercato di riferimento. Ricordati che il 70% delle persone che ama fare shopping scopre nuovi prodotti tramite Instagram. La vera novità, però, sarà lo shopstreaming o live shopping: la possibilità di acquistare durante le dirette sui social.

Conoscere i trends è importante per continuare ad investire in modo produttivo e con ottimi risultati.

[DISPLAY_ULTIMATE_PLUS]

Autore: Martina Tortosa